Statua di Giorgio Kastriota Skanderbeg durante un weekend a Tirana
I miei viaggi

Tirana in un weekend: guida di viaggio

Tirana è la capitale dell’Albania, una destinazione che sta rapidamente crescendo dal punto di vista turistico. È una città culturalmente vivace, dove si mangia molto bene ed è anche il punto di partenza ideale per andare, eventualmente, alla scoperta di altre zone del paese (in questo caso, però, occorre più di un weekend). In questo articolo vi darò qualche piccolo spunto su cosa fare, dove mangiare e cosa visitare a Tirana. Ho potuto scoprirla grazie all’Agjencia Kombëtare e Turizmit che mi ha invitata a soggiornare in città.

 

albania tirana piazza wilson colori arcobaleno

 

Prima di tutto, però, è importante fare delle premesse:

* L’Albania è un paese per viaggiatori avventurosi in grado di adattarsi senza troppe pretese, seppure non manchino infrastrutture di alto livello. Un paese che ha da poco aperto le frontiere ai turisti: nel 2011 Lonely Planet l’ha inserita al primo posto delle destinazioni da visitare in quell’anno e da allora le cose sono decisamente cambiate. A differenza che in altri paesi europei, qui, quasi tutto, è ancora una piacevole sorpresa;

* Non si può visitare Tirana mentre si è a dieta: la città offre ottimo cibo, cucinato da chef di alto livello che hanno lavorato nei più prestigiosi ristoranti internazionali, e non è affatto caro, se paragonato ai paesi confinanti e all’Italia;

* L’Albania è il paese più ospitale che abbia mai visitato. Viaggiando qui vi sentirete come a casa vostra: i viaggiatori e, in generale, gli stranieri sono trattati con il massimo rispetto da parte degli albanesi.

Per rimanere sempre aggiornati su tutto ciò che accade nel, o riguarda il, Paese delle Aquile consiglio di consultare il sito Albania News.

 

 

 

COSA VISITARE
Bunk’Art & Bunk’Art2

Questi due musei sono ospitati all’interno di due bunker antiatomici del periodo comunista (si dice che il dittatore Enver Hoxha ne abbia fatti costruire 750.000 in tutto il paese). Sebbene il Bunk’Art2 sia più facile da raggiungere (l’ingresso è, infatti, a due passi da Piazza Skanderbeg), è il Bunk’Art il vero fiore all’occhiello di Tirana. Situato ai piedi della montagna Dajti, a circa venti minuti di macchina dal centro, si tratta di un bunker dalle dimensioni gigantesche (quasi 3000 mq divisi in più piani), nelle cui stanze sono visibili oggetti, manufatti e filmati dell’epoca comunista. Una volta usciti, approfittatene per raggiungere la cima del monte e ammirare Tirana dall’alto.

albania tirana bunker bunkart ingresso

albania tirana bunkart2 centro città bunker torre dell'orologio

 

Pazari i Ri

Inaugurato il 14 marzo 2017, il Pazari i Ri (letteralmente: il nuovo mercato) è una delle aree più vivaci di Tirana. Un consiglio? Visitatelo la mattina quando i tiranesi si recano per fare compere e i banchi pullulano di freschissimi prodotti gastronomici locali, come frutta, verdure, olive, spezie.

albania tirana il nuovo mercato pazari i ri frutta verdura

 

Piazza Skanderbeg

Dedicata all’eroe albanese che nel ‘400 difese il paese dagli Ottomani, Giorgio Castriota Skanderbeg (la cui statua è qui collocata), questa piazza è il cuore di Tirana. È stata recentemente oggetto di un ambizioso progetto di riqualificazione a seguito del quale l’area circostante è stata pedonalizzata, sono state installate fontane e giochi d’acqua, e il pavimento è stato tappezzato con marmi e pietre provenienti da tutto il paese, oltre che dai territori albanofoni fuori dai confini nazionali (come il Kosovo). Sulla piazza affacciano alcuni dei più importanti edifici della città, come il Museo Storico Nazionale (che consiglio di visitare), la moschea Et’Hem Bey, l’Opera.

albania tirana piazza skanderbeg statua moschea plaza

 

Ura e Tabakëve

Si tratta di un ponte del diciannovesimo secolo nascosto tra i moderni edifici di Tirana. È uno dei pochi monumenti ottomani presenti in città che vale la pena vedere per le ottime condizioni in cui è stato preservato.

albania tirana ponte dei tabaccai ura e tabakeve centro città

 

Piramida

Uno scheletro di cemento al confine con Blloku (l’area più cool di Tirana piena di locali e ristoranti). Progettata dalla figlia e dal genero di Enver Hoxha in suo onore, oggi la Piramida è uno degli edifici più rappresentativi della città frequentato per lo più da street artists e skaters. In cantiere un progetto per ristrutturarla e trasformarla in un centro culturale.

albania tirana piramide enver hoxha

 

DOVE MANGIARE

A Tirana è facile mangiare bene e spendere cifre adatte a qualsiasi tasca. Qui si può mangiare street food (il famoso byrek, una torta salata a base di formaggio, spinaci o carne) per 2-3€, così come assaporare menù gourmet nei migliori ristoranti della città per 20-30€.
Di seguito ho selezionato i ristoranti che mi sono piaciuti di più.

 

Padam
Ristorante dal design estremamente curato, ospitato in una villa degli anni ’30 non lontano dalla Piramida. Lo chef Fundim Gjepali (cuoco anche dell’Antico Arco di Roma) offre una cucina raffinata e di qualità. Il menu è alquanto variegato e spazia da riso, pasta, carne, pesce, insalate, carpacci e gelati artigianali. 
Io ho assaggiato un menù degustazione che comprendeva, tra gli altri, gambero con wasabi in salsa di maionese, carpaccio di manzo con tartufo fresco grattugiato, fonduta di parmigiano reggiano e rucola, waffel con mousse di cioccolato biondo e gelato allo zenzero con spruzzata di canella, e ne sono rimasta entusiasta.
Costo: 25-30€/persona.

Soni Fish
Per gli appassionati di pesce non c’è scelta migliore di questo ristorante situato di fronte ai banchi del Pazari i Ri. Il pesce è esposto in vetrina e si ordina ciò che si desidera. Io ho ordinato una frittura mista, ma la quantità di pesce è così ampia che è difficile non rimanere soddisfatti.
Costo: 15€/persona.

PaneVino
Ottimo ristorante di cucina italiana. Pasta all’uovo fatta a mano, prodotti di prima scelta, migliore hamburger di Tirana (servito insieme a un vasetto ricolmo di patatine fritte) e un gelato al pistacchio da leccarsi i baffi.
Costo: 18€/persona.

Oda
Se volete assaggiare l’autentica cucina albanese, è qui che dovete andare. Questo ristorante a conduzione familiare nel centro di Tirana offre ottimi piatti tipici come fërgesë me speca dhe gjjizë dhe domate (peperoni cotti con ricotta salata e pomodori), torte salate di mais e porri, salce kosi (salsa di yogurt), e, per i più intrepidi, kukurec, involtini di interiora di agnello. Oda è un’ottima scelta anche per vegetariani.
Costo: 12€/persona.

 

DOVE SOGGIORNARE

Durante il mio soggiorno sono stata ospite del The Plaza Tirana, un albergo davvero speciale. Si tratta di un hotel 5* inaugurato nel 2013 e divenuto in poco tempo uno dei simboli architettonici della capitale albanese. Le camere sono arredate con design sofisticato, dotate di tutti i confort e distribuite nei 23 piani della struttura. The Plaza Tirana si fa amare per il suo confort, per la posizione centrale e per la cura con cui è stato creato, oltre che per la partecipazione del personale sempre pronto ad assecondare le richieste degli ospiti, a dare suggerimenti, a essere presente e disponibile, che è una nota che rende unica questa ospitalità pur in un hotel di così grandi dimensioni.

 

Da portare nello zaino:

Best in travel 2018. Il meglio da Lonely Planet
Albania e Kosovo, Gjata & Vietti
Albania, Bradt Guides
Tirana e Albania, Gjata & Vietti
Il tuo nome è una promessa, Anilda Ibrahimi

CONDIVIDI:

4 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *