albania korça pazari i vjeter stradina case tipiche
I miei viaggi

Korça: cosa vedere in un weekend nella piccola Parigi d’Albania

L’Albania è uno dei paesi più affascinanti della penisola balcanica, nota soprattutto per le idilliache spiagge della costa e la vivace capitale Tirana. Sono tanti altri, però, i posti che vale la pena visitare, soprattutto se si ha voglia di scoprire luoghi poco turistici e fuori dalle rotte comuni. Nonostante i miei numerosi viaggi nel paese, non ero mai stata a Korça, ma, grazie a Good Albania, ho avuto la fortuna di scoprire finalmente questa splendida destinazione situata vicino al confine con la Grecia e la Macedonia. Per raggiungere la città occorre percorrere una strada che costeggia lo spettacolare lago di Ohrid, uno dei più antichi e profondi laghi d’Europa, situato per 1/3 in territorio albanese e 2/3 in quello macedone. La vista del lago e, sullo sfondo, le montagne innevate regala scorci unici, tra i più belli che abbia mai visto nei miei viaggi nei Balcani. Consiglio vivamente, durante il tragitto, di fermarsi a Tushemisht, una località  proprio di fronte al lago, per ammirare il panorama, e assaggiare alcuni piatti tipici della zona, come il koran, un pesce simile alla trota, la cui pesca libera è vietata, ma in zona ci sono diversi allevamenti che vendono le specie ai ristoranti.

albania lago di ohrid tushemisht pogradec tramonto barche colorate

 

Korça è una delle mete più apprezzate dagli albanesi per trascorrere le vacanze, soprattutto durante la stagione invernale, quando le frequenti nevicate donano alla città un’atmosfera decisamente romantica. È famosa, in patria, per essere una delle città più importanti dal punto di vista culturale e per la birra Korça, prodotta proprio qui sin dal lontano 1928. Tuttavia, non è molto conosciuta dai turisti internazionali che, oltre alle già citate Tirana e Riviera Albanese, preferiscono visitare le più celebri città-patrimonio dell’umanità, Berat e Girocastro. Come dargli torto? Entrambe sono bellissime e uniche dal punto di vista culturale e architettonico, ma Korça non è da meno: il mio consiglio è, quindi, di ritagliarsi un po’ di tempo durante il viaggio nel Paese delle Aquile, per visitare anche questa splendida cittadina, perché ne vale la pena.

albania korça casa tradizionale mercato

 

In questo articolo vi darò qualche suggerimento su cosa visitare, dove dormire e cosa mangiare, per passare un piacevole weekend in questa bella città. Le cose da vedere, soprattutto nei dintorni (Dardhë, Voskopje, Prespa), sono numerose, ma dati i pochi giorni che avevo a disposizione e le condizioni meteo (sono stata fortunata: il sabato sera ha nevicato ed è stato semplicemente magico! Ma ciò mi ha impedito di spostarmi altrove…), la guida si concentra soltanto sui principali punti di interesse del centro storico.

 

 

COSA VEDERE

•Pazari i Vjetër

L’area più suggestiva della città è il Pazari i Vjetër, il vecchio bazar di Korça, recentemente ristrutturato a seguito di un grandioso progetto di riqualificazione. Si tratta della zona più cool della città con boutique, pasticcerie, ristoranti e locali ideali per passare una piacevole serata in compagnia. Ciò che rende unico il Pazari sono le facciate colorate degli edifici, gli eleganti bandoni dei negozi e le stradine acciottolate che sembrano formare un labirinto. Questa zona della città, più che Parigi, mi ha ricordato una Siviglia in miniatura: i colori, le pietre, l’atmosfera, mi hanno fatto venire in mente proprio l’elegante città andalusa. Nella piazza principale, il primo weekend di agosto, si tiene la famosa Festa della Birra, uno degli eventi più importanti d’Albania a base di concerti, balli, spettacoli e, ovviamente, fiumi di Korça. Una volta ammirata l’area del mercato, consiglio di inoltrarsi nelle stradine dietro allo stesso dove è nascosta la graziosa moschea Iljaz Mirahori, la più antica della città.

albania korça pazari i vjeter case colorate locali tipici

albania korça pazari i vjeter case tipiche

albania korça moschea vecchia centro storico

 

•Cattedrale della Resurrezione

L’edificio religioso più importante di Korça è, però, la Cattedrale della Resurrezione, un grande chiesa ortodossa costruita nel 1992 sulle rovine della precedente cattedrale distrutta intorno agli anni ’70 in piena dittatura comunista. Vale la pena visitarla anche all’interno perché custodisce preziosi dipinti e un bellissimo lampadario in legno posizionato nella navata centrale.

albania korça cattedrale resurrezione ortodossa

albania korça cattedrale ortodossa interni

 

•Bulevard Shën Gjergji

Lungo il Bulevard Shën Gjergji, o Pedonalja, il viale pedonale alberato dove si concentrano i bar, si trovano due degli edifici più caratteristici di Korça: il Museo Nazionale dell’Istruzione e la Casa Romena. Il museo è ospitato in quella che fu la prima scuola di lingua albanese della nazione, aperta nel 1887 proprio all’interno di questa bellissima struttura. Il museo è disposto su due piani, gratuito e visitabile ogni giorno: all’ingresso non ho trovato alcun custode ad accogliermi, ho semplicemente raggiunto il piano superiore e ammirato i documenti che testimoniano la storia di questa scuola e antichi testi in lingua albanese. L’altro caratteristico edificio posizionato lungo la Pedonalja è la cosiddetta Casa Romena, dove negli anni ’30 visse una famiglia originaria della Romania. Oggi, invece, al piano terreno ospita un negozio: è un peccato che un edificio di tale bellezza sia divenuto la sede di un piccolo market.

albania korça museo educazione casa ottomana

albania korça casa romena gialla architettura

 

•Bulevardi Republika

Un’altra strada molto interessante è il Bulevard Republika, il grande viale che dalla cattedrale conduce allo Stadio Skënderbeu. Lungo il viale si trovano numerosi ristoranti e hotel, ma la cosa migliore da fare qui è perdersi tra le stradine secondarie che si incrociano lungo lo stesso, dove si possono ammirare gli antichi edifici tipici di Korça, stradine lastricate e spaccati di vita cittadina.

albania korça strada tipica

albania korça strada tipica

 

DOVE MANGIARE

•Taverna Vasili
Indubbiamente la migliore trattoria di Korça, dove si assaggiano piatti tipici della gastronomia locale, come le kërnacka, polpette a base di vitello, uovo, pangrattato, cipolla, latte, pepe, origano e aglio, il caciovallo cotto al forno con pomodorini e origano, e il paçavure, un dolce simile al baklava fatto con pasta fillo, uova, yogurt, cannella, sciroppo e noci.
Prezzo: 15€/persona.

•Komiteti
Il locale più bello di Korça, nella piazza centrale del mercato, arredato con forniture tipiche dell’epoca comunista. Consiglio di recarsi qui al mattino, per bere caffè turco e mangiare ciambellone alle noci, o la sera, per assaggiare una delle oltre venti tipologie di raki, la grappa aromatizzata tipica dei Balcani.
Prezzo: 2€ circa per una raki.

•The Beatles
Camminando la sera per il Pazari i Vjetër sentirete musica live provenire dagli altoparlanti posizionati di fronte a questo grazioso locale. Entrate dentro, ordinate un Kahalua (un liquore molto simile al Bayles) o l’ennesima raki (!), e salite al piano di sopra per sentire i due giovani cantanti che intonano canzoni tipiche albanesi, ma anche pezzi in italiano e inglese.
Prezzo: 2€ circa per una raki.

 

DOVE SOGGIORNARE

Durante il mio soggiorno a Korça ho pernottato all’Hotel Koçibelli, un quattro stelle collocato di fronte alla moderna torre panoramica Red, da cui si ammira una bella vista su tutta la città. L’hotel, che è il più antico di Korça, costruito nelle sale del vecchio Hotel Turizmi, offre comode e ampie sistemazioni e si fa apprezzare, non solo per la disponibilità e gentilezza del personale, sempre pronto ad accogliere le tue esigenze, ma anche per la sua eccellente posizione a due passi dal Pazari i Vjetër e dalla Cattedrale.

 

Per restare sempre aggiornati su tutto ciò che accade in Albania, consiglio di consultare il sito web Albania News.

Da portare nello zaino:
Albania e Kosovo, Gjata & Vietti
Albania, Bradt Guides
Tirana e Albania, Gjata & Vietti

CONDIVIDI:

3 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *