Macedonia: l’incanto di Sveti Naum

 

La Macedonia è uno stato di cui si sa pochissimo in generale e, ancora meno, dal punto di vista turistico. Invece, a dispetto di quello che si possa pensare, ha tanto, tantissimo da offrire ai visitatori. Se, come me, siete appassionati di mete poco battute e niente affatto turistiche, capaci di regalare il piacere della scoperta e piene di cose interessanti da vedere, questo stato balcanico è il posto che fa per voi. Sicuramente la Macedonia non è il primo luogo che viene in mente quando si pensa ad una meta dove passare le proprie vacanze, persino negli stessi Balcani, ed è un paese da cui non ci si aspetta poco e nulla ma che, invece, regala sorprese continue. Io ho percorso in macchina tutto il tragitto che costeggia il lago di Ohrid, sia sul versante macedone che quello albanese e ho incrociato pochissime auto e nessun turista durante il percorso. In quest’area d’Europa si visitano gioielli culturali senza fare “a gomitate” con altre persone, senza sentire schiamazzi, senza nessun rumore. Un miraggio? Non nei Balcani. Per scoprire qualcosa di più sul paese, consiglio la lettura di “Scoprire i Balcani. Storie, luoghi e itinerari dell’Europa di mezzo”, un interessante libro dedicato alla Penisola Balcanica.

 

 

A circa mezzora di macchina da Ohrid, la capitale culturale del paese, che mi ha completamente stregata, e a cinque minuti dal confine con l’Albania, si trova un autentico gioiello, il monastero di Sveti Naum. Definire questo luogo bello è riduttivo: si tratta di un monastero in stile bizantino risalente al 905 d.C., immerso nella natura e affacciato sul lago di Ohrid da cui si ammirano panorami da cartolina. Dal 1912 al 1925 questa zona apparteneva all’Albania. In tale anno il re albanese Zog, regalò il monastero e l’area circostante agli jugoslavi come ringraziamento per averlo aiutato a riprendere il potere. Inutile dire quanto fu, ed è tuttora, (giustamente) grande lo scontento degli albanesi per aver perso un luogo di tale valore storico e unico dal punto di vista della bellezza architettonico-naturalistica.

monastero sveti naum macedonia lago di ohrid
Il Monastero di Sveti Naum

 

Prima di raggiungere il monastero, non si può fare a meno di rimanere incantati dalla laguna situata sulla sinistra (dalla parte opposta del lago) dove ormeggiano piccole imbarcazioni e nuotano papere e oche. Ciò che mi ha colpito maggiormente in questa zona è stata una piccola chiesa in stile bizantino posizionata vicino al cancello che conduce al monastero. La visione di questa chiesetta, circondata da un verdissimo prato tappezzato da margherite, è stata uno dei momenti più incantevoli ed emozionanti di questo viaggio, perché, come quasi sempre accade, sono le cose inaspettate quelle che colpiscono di più.

 

 

Se vi è piaciuto questo articolo, potrebbe interessarvi anche il mio Weekend a Korça.

 

 

Da portare con voi nello zaino:
Macedonia, Bradt Guide
Balcani occidentali, Lonely Planet 

CONDIVIDI:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *