albania mrizi i zanave jufka porcini

Pensa globale, mangia locale: benvenuti a Mrizi i Zanave

Pensa globale, mangia locale. È la filosofia alla base di Mrizi i Zanave (in italiano: L’ombra delle fate, dal titolo di un’opera di Gjergi Fishta, prete francescano e noto poeta albanese), un agriturismo situato nel nord dell’Albania, a Fishtë, un piccolo villaggio di campagna nei pressi di Lezhë, una città collocata tra la capitale Tirana e Scutari. Incuriosita dai commenti positivi di tutti coloro che hanno mangiato qui e, soprattutto, dai piatti realizzati nelle cucine del ristorante che sembrano delle vere e proprie opere d’arte (sulla pagina Instagram dell’agriturismo potete ammirare le loro creazioni), ho deciso che era giunto il momento di venire a fare una visita. Spesso, per motivi personali, viaggio soprattutto nel sud del paese, ma ultimamente ho avuto modo di scoprire in maniera un po’ più approfondita il nord dell’Albania e ne sono rimasta estasiata.

albania mrizi i zanave benvenuto

 

Mrizi i Zanave è un bellissimo agriturismo a conduzione familiare, inaugurato nel 2010, nato dalla mente dello chef Altin Prenga che, dopo aver vissuto e lavorato per dodici anni in Trentino Alto Adige, ha deciso, insieme a suo fratello Anton, di tornare nel suo paese natale e dare vita a quello che, nel giro di pochi anni, è diventato l’agriturismo e il ristorante più famoso dell’Albania. Prenga, portavoce del movimento Slow Food Albania, prepara piatti della tradizione locale, rivisitati in chiave moderna, con ingredienti locali a km 0 coltivati dai piccoli agricoltori della campagna circostante.

albania mrizi i zanave entrata insegna

 

Durante la mia visita ho avuto modo di scambiare qualche parola con Altin, il quale mi ha raccontato, con la passione propria di chi ha fatto tutto con le proprie forze e con il proprio sacrificio (lo stato albanese non ha sovvenzionato niente e, purtroppo, ignora quasi del tutto il settore agricolo dell’Albania che, invece, è un paese prevalentemente agricolo), di come è nato Mrizi i Zanave e dei vari progetti in cantiere, tra cui la realizzazione di una sala assemblee, dove i contadini e gli agricoltori della zona potranno riunirsi per discutere, scambiarsi idee e dialogare. Durante il tour ho visitato, oltre alla sala, anche i laboratori per la creazione di marmellate, formaggi e salumi (alcuni dei quali ancora in fase di costruzione), il vigneto dove è coltivato il vitigno locale Kallmet da cui è prodotto l’omonimo vino che, a mio avviso, è uno dei migliori in Europa, e assistito alla corsa del trenino della solidarietà, a proposito del quale vorrei spendere due parole: questo trenino colorato offre ai bambini la possibilità di fare un giro nei pressi dell’agriturismo ed è a offerta libera. Il ricavato viene conservato per aiutare persone della zona che versano in condizioni di difficoltà economiche.

albania mrizi i izanave vigneti kallmet

 

Una volta seduti a tavola si viene accolti dal gentilissimo personale di sala con un bicchiere di succo di melograno che dà ufficialmente il via al pasto. Non esiste un menù à la carte, ma un menù fisso (dal costo di circa 20€, bevande incluse) scelto dal ristorante, costituito da numerose portate (durante il pranzo ho perso il conto dei piatti!) realizzate con gli ingredienti di stagione e accompagnato dall’immancabile Kallmet. I piatti che più mi hanno colpita sono stati il fiore di zucca fritto ripieno di ricotta, la jufka (pasta tipica del nord dell’Albania) con sugo di porcini e panna fermentata, e lo spiedino di maiale. Che dire poi dei dolci? Tra il gelato con caffè turco tostato e salsa di caramello, la torta allo yogurt fatto in casa con frutti di bosco selvatici e il  perpeq (un dolce simile al crème caramel) con fichi e caramello tostato, è difficile non innamorarsi completamente di questo posto.

albania mrizi i zanave succo melograno

albania mrizi i zanave antipasto caprino

albania mrizi i zanave jufka porcini

albania mrizi i zanave perpeq dolce

 

 

CONDIVIDI:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *