fotografia

Cartoline dall’Albania. Novembre: Scutari

Conoscete la capitale culturale del nord Albania? Scutari (in albanese Shkodër o Shkodra) è una delle città più affascinanti del Paese delle aquile e dei Balcani, ricca di storia, cultura e naturaScutari è sovrastata dal Castello di Rozafa, il più grande dell’Albania, avvolto da una misteriosa leggenda, ed è bagnata dalle acque del Lago di Scutari, lo specchio d’acqua più ampio della penisola balcanica. La città, non solo è la tappa ideale per chi è alla ricerca di cultura, ma anche per coloro che amano attività all’aria aperta: da qui, infatti, partono le spedizioni alla scoperta del nord del Paese e, già nei suoi dintorni, si possono svolgere numerose avventure. Il tema di novembre è dedicato a questa meravigliosa città e queste sono le vostre foto!

 

SELENE SCINICARIELLO

Il mio primo approccio all’Albania è stato a Scutari. Un posto diverso da dove iniziare a scoprire il Paese delle Aquile. Non sapevo cosa aspettarmi da questa terra e quando il mattino dopo il nostro arrivo abbiamo deciso di seguire il flusso di gente che si muoveva dal centro verso il mercato, ecco, in quel momento ho capito che l’Albania, dal mio cuore, non sarebbe potuta uscire mai più. Questa signora, e come lei tante altre, mi hanno ricordato mia nonna, le sue grinze sulla faccia, il lavoro duro in campagna e il suo cuore pieno di amore. L’Albania mi ha ricordato casa, ma non quella fatta di pareti di mattoni: quella che si ha nel cuore, quella piena di problemi, quella autentica da far quasi male. Scutari è il mio primo amore albanese!
(Potete seguire Selene sul suo blog Viaggi che Mangi e sul suo profilo Instagram)

 

CHIARA SOBAN
Sono molto legata a Scutari, è stata la città che mi ha fatto conoscere un paese fantastico che è impossibile non amare. Ai piedi delle fantastiche Alpi Albanesi, sulla sponda di un lago transfrontaliero e non lontanissima dal mare, è in una zona naturalistica bellissima. Città dalla storia travagliata, culla della cultura albanese, è un luogo suggestivo che merita una visita per chi si vuole recare nel Paese delle aquile. Gli shkodrani mi hanno accolto a braccia aperte e mi hanno fatti sentire a casa e parte della loro famiglia nel mio periodo trascorso li.
(Potete seguire Chiara sul suo blog Loving Balkans e sul suo profilo Instagram)

 

CHIARA SILVESTRI
Ho scattato questa fotografia esattamente tre anni fa. Ero semplicemente nel “posto giusto al momento giusto”. Mi sono sentita in armonia con me stessa e in contatto con i Balcani. Il Lago di Scutari, baciato dal tramonto, accarezzava in silenzio le sponde del colle su cui troneggia il Castello di Rozafa. Come si fa a non innamorarsi a prima vista di Scutari, se questo è il benvenuto che dà la cittá?
(Potete seguire Chiara sul suo profilo Instagram)

 

ANNA GIULIA BUONANNO
Per me, Scutari è il posto dell’Albania più vicino all’Italia. I palazzi di gusto neoclassico colorati di giallo e celeste, la pedonale con gli edifici a due piani che la costeggiano, molti scorci mi restituiscono suggestioni che sanno di casa, di conosciuto, almeno finché non si arriva al castello di Rozafa: lì tutto è cultura albanese, affascinante leggenda, senso del sublime quando lo sguardo corre verso il lago e idealmente prosegue oltre, fino al Montenegro. Credo sia la mia città preferita del Paese delle Aquile, quella in cui amo sempre tornare.
(Potete seguire Anna sul suo blog Da Torino a Tirana e sul suo profilo Instagram)

 

ARTA NIKAJ
Cosa è Scutari per me? Scutari è casa, è pace, è una boccata d’aria fresca. Ogni volta che torno nella mia città natale mi sembra di non averla mai lasciata. Scutari avrà sempre un posto speciale nel mio cuore.
(Potete seguire Arta sul suo profilo Instagram)

 

DENIS KALLOGJERI
Per me Scutari (Shkodra) è la città albanese che più di tutte rappresenta l’arte e la cultura. Visitarla, in qualsiasi stagione dell’anno, è sempre una grande emozione.
(Potete seguire Denis sul suo profilo Instagram)

 

PAOLO FORESTI (ex Ambasciatore d’Italia in Albania) 
Scutari è nel mio cuore come tanti altri posti in Albania. Il suo legame con Venezia, la sua storia e le esperienze ed incontri che ho avuto fin dal primo momento che vi ho messo piede sono molto particolari. Gli Statuti di Scutari, Dorontina, Rozafa, il vecchio Bazar, distrutto da Enver Hoxha perché simbolo di borghesia e covo di cattolici, gli scutarini che ho incontrato e con molti dei quali è nata una profonda amicizia, la mansuetudine caratteristica di quella popolazione, la bellezza del suo territorio ne fanno una città dalle caratteristiche uniche e profondamente umane.

Vuoi partecipare anche tu a “Cartoline dall’Albania?

Semplice: ogni mese indicherò sulla mia pagina Facebook Letters from the Balkans un tema specifico e potrai inviarmi la fotografia scattata da te che ritieni più bella, che poi pubblicherò qui sul blog e sulla pagina Facebook Letters from the Balkans. Insieme alla fotografia (con inquadratura orizzontale) inviami anche una descrizione di circa due/tre righe dell’immagine, che luogo specifico ritrae, che emozioni hai provato. Non dimenticarti il tuo nome e, se ne hai uno, il tuo sito web e/o profilo Instagram. Il tutto va spedito a francescamasotti@hotmail.it nei termini che saranno indicati di volta in volta.
A brevissimo pubblicherò la destinazione del mese di dicembre e, se avrai voglia, potrai partecipare con la tua immagine preferita di una delle città più belle del Paese delle Aquile, perciò… stay tuned!

 

Leggi di più sull’Albania:
Cartoline dall’Albania. Ottobre: Berat

Cartoline dall’Albania. Settembre: Vlora

Seguimi anche su Facebook: Letters From The Balkans

CONDIVIDI:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *