Tirana: i colori del Pazari i Ri, il nuovo mercato cittadino

C’è un posto, a Tirana, che non può mancare nell’itinerario dei viaggiatori alla scoperta della vivace capitale albanese. Un luogo dove colori, sapori e odori si fondono insieme creando un’atmosfera unica e inimitabile. È il Pazari i Ri, in italiano il nuovo mercato, creato negli anni Trenta del secolo scorso, ma riqualificato in tempi recenti grazie a un ambizioso progetto che ne ha rinnovato completamente l’aspetto, oltre che della zona circostante. Facciate colorate, ampi spazi pedonali, una futuristica copertura in vetro e acciaio, banchi ricolmi di frutta, verdura e spezie, oggetti artigianali, tessuti dai tradizionali motivi geometrici e antiche reliquie, ristoranti e caffè aperti tutto il giorno: il Pazari i Ri è da sempre il cuore pulsante dell’attività commerciale cittadina.

Un luogo di raccolta di commercianti che vendono i loro prodotti migliori e di ritrovo per gli abitanti di Tirana che si recano qui per fare acquisti quotidiani o rilassarsi in uno dei bar e ristoranti che affacciano sulla bella piazza. A ristrutturare Pazari i Ri, con il supporto del Comune di Tirana, ci ha pensato la fondazione albanese-americana AADF American Albanian Development Foundation che circa tre anni fa si è occupata di restaurare l’area del mercato e, successivamente, creare l’associazione Pazari i Ri – TID Tirana con lo scopo di promuovere il turismo e gli eventi culturali, artistici e artigianali in loco che coinvolgono la cittadinanza e i turisti in visita nella città. Tra i tanti eventi, quelli dedicato allo Street Food con possibilità di gustare sapori tradizionali e la Fiera dell’Artigianato dove sono esposti prodotti unici realizzati da artigiani albanesi, che si ripetono più volte nel corso dell’anno, il Cinema all’Aperto tra luglio e agosto e, infine, la Fiera di Natale che, a dicembre, coinvolge grandi e piccini nel periodo più magico dell’anno. Potete consultare gli eventi seguendo la pagina Facebook.

Ci si ferma da Kafe Mehmeti per bere un caffè tradizionale o da Ardi Caffe per un espresso. Oppure da Pastiçeri Luara per gustare una delle sue varianti di baklava. Altrimenti, per il pasto, ci si siede ai tavoli The Home per una cucina moderna e variegata o a quelli di Markata e Peshkut per mangiare ottimi piatti a base di pesce che si sceglie direttamente dai banchi e si mangia seduti ai tavolini che affacciano sulla piazza pedonale, circondati dai colori di Tirana. Passeggiando tra i banchi del mercato e ammirando l’avveniristica copertura in vetro su cui riflettono i brillanti colori degli edifici circostanti, non si fanno semplicemente acquisti, ma ci si perde, più che volentieri, tra prodotti gastronomici tipici albanesi, antichi cimeli, vecchi libri e preziosi tessili realizzati al telaio da artigiani albanesi. Si compra qualche oggetto unico, fatto a mano, tradizionale. Per portarsi a casa un po’ di Tirana.

Leggi di più sull’Albania:
Korça mon amour: cosa vedere a piedi nella città più elegante d’Albania
Albania: Kruja, un viaggio indietro nel tempo
Berat, Albania: viaggio tra moschee, chiese e antichi castelli

Seguimi anche su Facebook: Letters From The Balkans

CONDIVIDI:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *