La disputa sul raki e altre storie di vendetta-Fabio M. Rocchi

Due Paesi, Albania e Italia, uniti da sempre. Un forte legame che ha visto le loro storie intrecciarsi più di una volta nel corso dei secoli e che ancora oggi è palpabile, come si nota anche dai dieci racconti ambientati nella Terra delle aquile dei primi venti anni del nuovo millennio raccolti nel volume “La disputa sul raki e altre storie di vendetta” di Fabio M. Rocchi, pubblicato dai tipi di Besa Muci. L’autore è fiorentino ma da diversi anni vive e lavora a Tirana. Un libro nel quale è narrata la storia di persone diverse che abitano a Tirana e in altre città e che pagina dopo pagina cerca di descrivere stili di vita e atteggiamenti attuali di una parte degli albanesi e degli stranieri che vivono in Albania.

Da dentisti senza scrupoli a ingegneri e ristoratori fino a esperti del webmarketing, Rocchi racconta i pensieri di questi personaggi che, seppur diversi tra di loro, sono accomunati dall’essere degli stranieri ed estranei, la maggior parte perché italiani che si sono trasferiti in Albania o albanesi che dopo anni all’estero sono tornati in patria. Tra i primi c’è Gianni, protagonista del racconto che chiude il volume e dà il titolo all’intero libro, maestro di webmarketing trasferitosi nella vivace capitale albanese, tra i secondi, invece, troviamo Danush, nel primo racconto Bulloni, che fa rientro nel suo Paese dopo venti anni vissuti in Italia per assistere la madre malata. Fil rouge dei dieci racconti è, come esplicita anche il sottotitolo della raccolta, la vendetta: a volte violenta, altre ironica, muove l’intreccio dei testi.

Racconto dopo racconto si scopre l’Albania moderna e contemporanea, un Paese in equilibrio precario ancora diviso tra antiche tradizioni e una grande voglia di modernità. Una terra piena di contrasti dove il ritmo di vita rilassato che si respira nei villaggi e nei centri minori si contrappone all’evoluzione sfrenata che negli ultimi anni ha interessato la capitale Tirana, un risultato ben visibile nel caos urbanistico (leggasi: edilizia selvaggia) che caratterizza oggi lo skyline cittadino. Lo sguardo di Rocchi nei confronti di questa rapida evoluzione, e conseguente ricchezza di un numero troppo limitato di persone, è critico come si percepisce nei capitoli La diga su a Peshmanar e La disputa sul raki.

Quest’ultimo, in particolare, è il testo più autobiografico tra i dieci racconti, nel quale si può riconoscere lo stesso autore, giovane fiorentino emigrato in Albania per lavorare nel mondo del webmarketing e che ora insegna Letteratura italiana all’Università di Tirana. Con la sua scrittura precisa, senza fronzoli inutili, Rocchi conduce il lettore in un mondo ancora sconosciuto alla maggior parte degli italiani, nonostante la vicinanza geografica tra i due Paesi, e, forte della conoscenza del tipo di persone di cui narra e degli ambienti da loro frequentati, descrive con precisione la mentalità di una parte della popolazione albanese e straniera che vive nella Terra delle aquile.

La disputa sul raki e altre storie di vendetta, Fabio M. Rocchi, Besa Muci

Leggi di più sui Balcani
Il nastro rosso-Janja Vidmar
La bellezza che uccide-Migjeni
La masnada delle aquile. I giovani in fuga dal Kosovo-Riccardo Roschetti

Seguimi anche su Facebook: Letters From The Balkans

CONDIVIDI:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *